Home / Ufficio parrocchiale

 

 

Parrocchia Maria Santissima delle Grazie

 

(pomeriggio dalle 14,30 alle 18,30)

Aprile 2022

 

Martedì 19 : Piazza Nazioni Unite e Via Fattori (da incrocio Via Aldi a incrocio Via Pascucci)

Mercoledì 20 : Via Fattori (da incrocio Via Pascucci alla ferrovia)

Giovedì 21 : Case a schiera di Via della Pace, Condominio Melograno, Via Signorini

Venerdì 22 : Stazione, Via Puglia, Strada Statale  (da Conservitalia fino al bivio di Albiati) – Strada del Guinzone

Martedì 26 : Via Paolieri -prima parte: da Via Aldi a Via Pascucci

Mercoledì 27 : Via Paolieri – seconda parte: da Via Pascucci sino in fondo

 

Maggio 2022

 

Lunedì 02 :  Via Fucini - Eventuali recuperi

Martedì 03 : Via Aldi, Via Pascucci, Saline, Giannella e Patanella

Mercoledì 04: Via Abruzzo, Via Umbria, Piazza Molise

Giovedì 05: Via della Pace (dal n.34 al n.84 e tutti i numeri dispari)

Venerdì 06: Case Brancazzi

Lunedì 09: Via della Pace (dal n.2 al n.18), Via Padre Ugo Martino

Martedì 10: Piano Grande, Barca del Grazi e Strada sino alla Parrina

Giovedì 12: Via De Witt (numeri pari)

Venerdì 13: Tintori, Via Aurelia, Quattro Strade e Via Airone (Zona Topaie)

Lunedì 16: Via Maremmana, Via Sicilia, Via Lazio

Martedì 17: Strada del Ramo, Villa Trieste, Pinalti, Poggio Giardino

Mercoledì 18: Via Raffei

Lunedì 23: Via De Witt (numeri dispari)

 

Giovedì 19, Venerdì 20 e Sabato 21: Triduo Santa Rita

 

MARTEDI' 24: PELLEGRINAGGIO SANTA RITA

 

NOTA: il Sabato mattina è dedicato ai negozi/uffici. Chi, per qualsiasi motivo, non avesse ricevuto la Benedizione, può contattare il Parroco all'utenza telefonia 0564-870018

Benedizione delle famiglie programma 2022.pdf [80.67 KB]
Download

Orari delle Celebrazioni

 

Sante Messe e Funzioni Religiose

 

Dal 01 ottobre al 28 febbraio

  • lunedì, mercoledì e venerdì ore 08,30
  • martedì e giovedì ore 08,30 e 16,30
  • sabato e prefestivi ore 08,30 e 17,30
  • festivi ore 08,30 – 11,00 – 17,30

venerdì ore 17,00 “Adorazione Eucaristica” ad eccezione del

primo venerdì del mese che sarà celebrata la S.Messa alle ore 17,30

 

Dal 01 marzo al 21 maggio

  • lunedì, mercoledì e venerdì ore 08,30
  • martedì e giovedì ore 08,30 e 17,30
  • sabato e prefestivi ore 08,30 e 17,30
  • festivi ore 08,30 – 11,00 – 17,30

Mese di Maggio: tutti i giorni, ore 17,00, Santo Rosario 

Primo venerdì del mese "Adorazione Eucaristica"

  

Dal 22 maggio al 30 settembre

  • lunedì, mercoledì e venerdì ore 08,30
  • martedì e giovedì ore 08,30 e 19,00
  • sabato e prefestivi ore 08,30 e 19,00
  • festivi ore 08,30 – 11,00 – 19,00

dal 1 giugno tutti i venerdì "Adorazione Eucaristica" ore 19,00

dal 22 maggio al 31 maggio ore 18,30 Santo Rosario

 


La Chiesa di Dio è convocata in Sinodo.

 

 “Sinodo” è una parola antica e venerabile nella Tradizione della Chiesa, il cui significato attinge ai temi più profondi della Rivelazione. Indica il cammino percorso insieme dal Popolo di Dio.

Il cammino, dal titolo “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”, si è aperto solennemente il 9-10 ottobre 2021 a Roma e il 17 ottobre seguente in ogni Chiesa particolare. Il 7 marzo 2020 era stato dato l’annuncio che Francesco voleva tenere la XVI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi nell’ottobre 2022, sul tema “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”. 

Papa Francesco invita l’intera Chiesa a riflettere su un tema decisivo per la sua vita e la sua missione: “È proprio questo cammino di sinodalità che Dio si aspetta dalla Chiesa del terzo millennio”. Sulla scia del rinnovamento della Chiesa proposto dal Concilio Vaticano II, questo cammino percorso insieme è al tempo stesso un dono e una responsabilità. Riflettendo insieme sul cammino percorso finora, i  diversi membri della Chiesa potranno imparare dalle reciproche esperienze e  prospettive, sotto la guida dello Spirito Santo. Illuminati dalla Parola di Dio e uniti nella preghiera, saremo in grado di discernere i processi da attivare per cercare la volontà di Dio e seguire le vie che Dio ci chiama a percorrere verso una comunione più profonda, una partecipazione più piena e una maggiore apertura a compiere la nostra missione nel mondo.

In questo senso, la sinodalità permette a tutto il Popolo di Dio di camminare insieme, in ascolto dello Spirito Santo e della Parola di Dio, per partecipare alla missione della Chiesa nella comunione che Cristo stabilisce tra noi. In definitiva, questo cammino percorso insieme è il modo più efficace per manifestare e mettere in pratica la natura della Chiesa come Popolo di Dio pellegrino e missionario.

L’intero Popolo di Dio condivide una comune dignità e vocazione attraverso il Battesimo. Tutti noi siamo chiamati, in virtù del nostro Battesimo, a partecipare attivamente alla vita della Chiesa. Nelle parrocchie, nelle piccole comunità cristiane, nei movimenti laici, nelle comunità religiose e in altre forme di comunione, donne e uomini, giovani e anziani, siamo tutti invitati ad ascoltarci l’un l’altro per sentire i suggerimenti dello Spirito Santo, che viene a orientare i nostri sforzi umani, immettendo vita e vitalità nella Chiesa e guidandoci in una comunione più profonda in vista della nostra missione nel mondo.

La Chiesa riconosce che la sinodalità è parte integrante della sua stessa natura. Essere una Chiesa sinodale trova espressione nei Consigli ecumenici, nei Sinodi dei vescovi, nei Sinodi diocesani e nei Consigli diocesani e parrocchiali. Ci sono molti modi in cui sperimentiamo forme di “sinodalità” già adesso in tutta la Chiesa. Tuttavia, essere una Chiesa sinodale non è un’esigenza che si limita alle istituzioni esistenti. Infatti, la sinodalità non è tanto un evento o uno slogan quanto uno stile e un modo di essere con cui la Chiesa vive la sua missione nel mondo. La missione della Chiesa richiede che l’intero Popolo di Dio percorra un cammino insieme in cui ogni membro svolge il suo ruolo fondamentale, unito agli altri. Una Chiesa sinodale cammina in comunione per perseguire una missione comune attraverso la partecipazione di ciascuno dei suoi membri. 

L’obiettivo di questo processo sinodale non è di fornire un’esperienza temporanea o una tantum di sinodalità, quanto piuttosto di offrire un’opportunità all’intero Popolo di Dio di discernere insieme come andare avanti sulla strada che ci porta ad essere una Chiesa più sinodale sul lungo termine.

Quindi il processo sinodale è un cammino per tutti i fedeli, in cui ogni Chiesa locale ha una parte essenziale da svolgere. I fedeli hanno ricevuto lo Spirito Santo nel Battesimo e nella Confermazione e sono in possesso di diversi doni e carismi per il rinnovamento e l’edificazione della Chiesa, in quanto membri del Corpo di Cristo.

Mentre i Sinodi recenti hanno esaminato temi come la nuova evangelizzazione, la famiglia, i giovani, l’Amazzonia, il presente Sinodo si concentra sul tema specifico della sinodalità.

L’attuale processo sinodale che stiamo intraprendendo è guidato da una domanda fondamentale: Come avviene oggi questo “camminare insieme” a diversi livelli (da quello locale a quello universale), permettendo alla Chiesa di annunciare il Vangelo? Quali passi lo Spirito ci invita a compiere per crescere come Chiesa sinodale?

In questa luce, l’obiettivo dell’attuale Sinodo è di ascoltare, insieme all’intero Popolo di Dio, ciò che lo Spirito Santo sta dicendo alla Chiesa. Lo facciamo ascoltando insieme la Parola di Dio nella Scrittura e la Tradizione vivente della Chiesa, e poi ascoltandoci l’un l’altro, specialmente coloro che si trovano ai margini, discernendo i segni dei tempi. In effetti, l’intero processo sinodale mira a promuovere un’esperienza vissuta di discernimento, partecipazione e corresponsabilità, dove abbiamo la possibilità di raccogliere insieme una diversità di doni in vista della missione della Chiesa nel mondo.

In questo senso, è chiaro che lo scopo di questo Sinodo non è di produrre altri documenti. Piuttosto, intende ispirare le persone a sognare la Chiesa che siamo chiamati a essere, a far fiorire le speranze, a stimolare la fiducia, a fasciare le ferite, a tessere relazioni nuove e più profonde, a imparare gli uni dagli altri, a costruire ponti, a illuminare le menti, a riscaldare i cuori e a rinvigorire le nostre mani per la nostra missione comune. Questo significa che l’obiettivo di questo processo sinodale non è una semplice serie di esercizi che iniziano e finiscono, quanto piuttosto un cammino di crescita autentica verso la comunione e la missione che Dio chiama la Chiesa a realizzare nel terzo millennio.

Così ti inviamo una serie di domande proposte dal Sinodo Universale alle quale ti chiediamo di rispondere in maniera completamente anonima. Senza che appaia mai il tuo nome o alcun riferimento che possa condurre a te, rispondi alle domande inserite nella scheda 1 e 2 che ti è stata consegnata domenica in Chiesa e che trovi qui allegata. Consegna le risposte entro il 31 marzo depositandole in un apposito contenitore posto all’ingresso della Chiesa. Non è assolutamente obbligatorio apporre firme, data, generalità e rispondere a tutte le domande che ti vengono poste; l’unica cosa che ti chiediamo è quella di indicare, prima della risposta, il numero del “tema” al quale la risposta si riferisce.

Grazie per aver accettato di camminare con la Chiesa.

Scheda da compilare.pdf [157.66 KB]
Download

L'ufficio parrocchiale si occupa delle attività di gestione inerenti alle richieste del tipo amministrativo ed in particolare predispone il rilascio dei certificati ufficiali previsti dal diritto canonico della Chiesa Cattolica e dal Concordato Stato-Chiesa (soprattutto per ciò che riguarda il Matrimonio).

Situato accanto alla Chiesa Parrocchiale, svolge anche servizio alla comunità per tutte le esigenze  riguardanti i problemi ecclesiali, religiosi e umani.

 

Presso l'ufficio è possibile prenotare la celebrazione di una santa Messa o per altre intenzioni particolari,  fissare la data di un Battesimo, di un Matrimoinio o la celebrazione di un funerale, richiedere ogni informazione per ricevere i Sacramenti oppure avere notizie relative alle diverse attività pastorali che si svolgono.